Perché prendere il farmaco al colesterolo a letto

Il colesterolo è presente in quasi ogni cellula del tuo corpo. Serve un ruolo essenziale nel mantenere la flessibilità e la permeabilità delle membrane cellulari ed è il precursore degli acidi biliari, della vitamina D e degli ormoni steroidi, quali il testosterone e l’estrogeno. Tuttavia, nel 1961, i ricercatori del National Heart, Lung and Blood Institute e Boston University stabilirono che un elevato livello di colesterolo aumenta il rischio di malattie cardiache.

Secondo il dottor Elson Haas, autore di “Staying Healthy With Nutrition”, il tuo cervello è l’unico tessuto che non produce il proprio colesterolo. Mentre il fegato è il sito principale della produzione di colesterolo, tutte le altre cellule possono sintetizzare il loro colesterolo da acidi grassi, con l’aiuto di un enzima chiamato HMG-CoA reduttasi. Questo processo è regolato dalla quantità di colesterolo presente nel sistema, che a sua volta è influenzata dai modelli dietetici.

Una volta che gli scienziati avevano dimostrato il ruolo del colesterolo nella malattia cardiovascolare, i produttori di droga erano pronti a sfruttare la nozione che abbassare il colesterolo potrebbe diminuire il rischio di attacchi cardiaci e colpi. I farmaci che hanno colpito il colesterolo nell’intestino o hanno rallentato il rilascio dal fegato sono stati in primo luogo ad arrivare al mercato. Nel 1987, il primo farmaco “statinico” che inibì la HMG-CoA reduttasi è stato approvato dalla Food and Drug Administration USA. Molte altre droghe statine presto seguirono.

Ogni volta che si mangia, il colesterolo derivato dal tuo cibo sopprime la sintesi di un nuovo colesterolo nei tessuti, in particolare nel tuo fegato. Pertanto, la produzione di colesterolo tende a seguire un modello diurno, con la produzione più alta che si verifica in tempi di digiuno. Per la maggior parte delle persone, il periodo di produzione di colesterolo più elevato avviene durante la notte. Una revisione del “British Medical Journal” del 2003 suggerisce che questa variazione diurna nella sintesi del colesterolo può influenzare l’efficacia della terapia farmacologica per il colesterolo alto.

La maggior parte dei produttori di farmaci statinici raccomanda di prendere questi agenti a dormire per sfruttare i normali cambi diurni nella sintesi del colesterolo. Tuttavia, alcune statine, come l’atorvastatina, vengono eliminate dal corpo più lentamente di altri, quindi il loro effetto terapeutico dura più a lungo. Uno studio del 1996 in “Journal of Clinical Pharmacology” ha suggerito che l’atorvastatina sembrava essere altrettanto efficace se è stata presa al mattino o alla sera. Se prendi un farmaco per abbassare il colesterolo, segui le istruzioni del medico o del farmacista.

Produzione di colesterolo

Inibizione della sintesi del colesterolo

Variazione quotidiana nella produzione di colesterolo

Considerazioni e raccomandazioni